lunedì 26 gennaio 2015

27 gennaio



Era un tardo pomeriggio di novembre.
Me ne stavo appollaiato sul ramo di un albero spoglio.
Mi guardai attorno, c'erano solo baracche grigie recintate da filo spinato.
Uomini scheletrici vagavano in mezzo al fango e al sudiciume.
Nell'aria c'era un odore nauseabondo che neanche il vento riusciva a dissolvere .......

........ il treno, rombando sulle rotaie, finì la sua corsa proprio dentro al campo .....

........ fu allora che la scorsi, avrà avuto forse sei o sette anni ....

....... " mamma guarda un pettirosso !"

la madre non ebbe nemmeno il tempo di risponderle, perchè lo strattone violento di un soldato la separò dalla bambina .....

..... fu allora che decisi che non l'avrei mai lasciata sola.
Sarei stato io a farle da madre e da padre, sarei stato io la sua voce.

....... di notte le tenevo compagnia e le cinguettavo sottovoce vicino all'orecchio le storie che avevo udito dai miei amici uccelli.
Lei ascoltava in silenzio, incantata, finchè il sonno non la prendeva per mano.

Di giorno raccoglievo per lei tutto quello che riuscivo a racimolare nel campo per placare un po' la sua fame: briciole di pane, bucce di patate, legumi secchi, qualche foglia di cavolo o di rapa.
Ma Sara diventava sempre più magra e sempre più pallida.
Una mattina non la trovai più nella baracca.
Del fumo usciva lento da un alto camino.
Infine la vidi in fila con altri bambini ....

..... mi avvicinai a lei incurante del ringhiare dei cani.
Fu in quell'istante che decisi di prestarle le mie ali ......

                                                        il volo di Sara di Lorenzo Farina 
        

10 commenti:

  1. bellissima commemorazione, Patty! Non ho letto questo libro ma sono affezionatissima a "Se questo è un uomo" di Primo Levi anche se, ora, diventata grande, non riesco più a leggere o guardare Film che parlano dell'Olocausto perchè mi prende sempre più un senso di angoscia e impotenza di fronte a tanta cattiveria! un abbraccio nel giorno della memoria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è un libro per bambini, molto bello, un altro libro molto bello se lo vuoi leggere a tua nipote è il sogno di Lilli, di Lilli Pesaro ....
      un abbraccio a te !

      Elimina
  2. Per non dimenticare e per diffondere conoscenza. Buona settimana Patty. Ciao. NI

    RispondiElimina
  3. ciaoooo
    buona settimana anche a te !!

    RispondiElimina
  4. Risposte
    1. pensa a quando non ci sarà più nessuno che potrà dire .... io c'ero!

      Elimina
  5. ottima scelta... hai visto che belle le illustrazioni? Adoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì il libro è molto bello, ma se hai voglia, come ho detto a Luisa leggi" Il sogno di Lilli " di Lilli Pesaro, questa è una storia vera, non bellissime le illustrazioni, ma bel libro!
      Ciaooo

      Elimina
  6. chi è nato a Nonantola come me porta sempre nel cuore uno spicchio di questa brutale storia ma in positivo e finchè ci sarà questa villa a ricordare passandoci davanti....noi ricorderemo....finchè ci saranno libri a raccontare e voglia di sapere....ricorderemo....glo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. speriamo ci sia sempre la voglia di sapere !!!
      un abbraccio

      Elimina